WINEFULNESS

in collaborazione con

 

Vino e lucidità potrebbero sembrare due termini inconciliabili fra loro. Per certi versi lo sono, nella misura in cui il vino, se bevuto in quantità, offusca la nostra coscienza.

Ma se lo usiamo (con misura) come semplice “ancora percettiva”, può diventare una bellissima opportunità per coltivare presenza e vivere un’esperienza gustativa più profonda.

La Winefulness non va confusa con una tradizionale degustazione, in cui si esaminano, valutano e commentano le caratteristiche organolettiche e la qualità di un vino. Si tratta di una vera e propria meditazione guidata, in cui i partecipanti vengono invitati a stare in contatto con il flusso di stimoli sensoriali che l’esperienza naturalmente genera, tornando ad essi ogni volta che i pensieri (ricordi, fantasie, giudizi…) trascinano altrove l’attenzione.

Un modo tanto inusuale quanto coinvolgente di prendere confidenza con la risorsa più preziosa di cui disponiamo: la consapevolezza.

durata: circa un ora

https://menscorpore.org/

 

TASSELLI CASHMERE, LA TRADIZIONE UMBRA E LA NOBILE FIBRA “IL CASHMERE”

in collaborazione con 

 

 

Il laboratorio si articola in diversi momenti:

  • presentazione del progetto de La Banca del Vino;
  • la Mongolia (posizione geografica, le capre e i pastori, la tosatura e la materia prima ed il controllo di qualità);
  • prima degustazione: la morbidezza dell’aglianico;
  • la lavorazione del Fiocco in Italia (tintura, sfioccamento, filatura cardata, filatura pettinata, il pregiato filato e l’Umbria);
  • seconda degustazione: la tradizione umbra del sagrantino;
  • presentazione dell’azienda Tasselli Cashmere;
  • terza degustazione: l’eleganza del Barolo;
  • conclusioni, consigli, domande.

http://www.tassellicashmere.com/

 

ESPERIENZA VERMOUTH

in collaborazione con

 

Un workshop interattivo della durata di circa 2 ore condotto da Fulvio Piccinino, grande esperto del settore e personalità di riferimento per il mondo del vermouth e della miscelazione.

Dai vini ippocratici all’epoca Sabauda – in cui il vermouth fu “inventato” a Torino da Benedetto Carpano – fino alle alterne fortune del secolo scorso e la sua recente scoperta. Il racconto è piacevolmente accompagnato da una degustazione di piante aromatiche, spezie e tre vermouth.

Ogni partecipante troverà una postazione allestita con erbe e spezie, tinture professionali, vino base, contagocce, imbuti.

Sceglierà così gli ingredienti che preferisce per creare la propria ricetta segreta e ognuno porterà a casa  la propria bottiglietta di vermouth,  con tanto di etichetta personalizzata.

http://www.jo-in.it/home/esperienze/

 

Per maggiori informazioni, dettagli e prenotazioni potete contattarci telefonicamente o via mail:

+39 0172 458418

f.rinaudi@bancadelvino.it

info@bancadelvino.it