Oslavia, non lontano da Gorizia, nel Collio orientale, per il suo particolare tipo di terreno, detto “ponca” e per il microclima contraddistinto da notevole ventilazione ed escursione termica, è una delle culle della viticoltura friulana.

I Radikon sono qui presenti dal 1807, ma è nei primi anni ottanta che iniziano ad imbottigliare e a scrivere pagine importanti della storia del vino non solo italiano.

 

 

Giovedi 27 giugno ore 19.00

 

Vignaioli illuminati e pioneri della riscoperta della tecnica di macerazione a contatto con le bucce per i vini bianchi, sono grandi interpreti della Ribolla Gialla, da sempre vitigno fortemente identitario per i produttori di Oslavia e del Friuli.

Varietà, la Ribolla, che proprio con il “metodo Radikon”, lunghe macerazioni e lunghi invecchiamenti,  ha ritrovato il suo carattere, grande finezza e l’inconfondibile sapore.

Durante la serata, moderata da Fabrizio Gallino, collaboratore di Slow Wine, in compagnia di Saša Radikon e di Alberto Farinasso, di Velier – “Triple A”, degusteremo cinque diverse annate della Ribolla di Radikon.

 

Nello specifico assaggeremo:

 

Ribolla 2000

Ribolla 2003

Ribolla 2009

Ribolla 2010

Ribolla 2012

 

Il costo della serata è di € 35

Per i soci Slow Food, FISAR e gli studenti Unisg il costo è di € 20

Per i soci de La Banca del Vino il costo è di € 15

https://www.radikon.it/en/

http://www.triplea.it/