La sostenibilità non è un processo casuale, ma un atto volontario che, oltre alla sapienza tramandata richiede il supporto della scienza, della tecnologia e dell’organizzazione aziendale, anche attraverso nuovi modelli.

 

 

Lucrezia Lamastra, PhD – Ricercatore e docente di Chimica, esperta di indicatori di sostenibilità e di analisi di ciclo di vita delle produzioni agrarie, Università Cattolica del Sacro Cuore; membro del comitato scientifico di Viva: progetto sulla sostenibilità della vitivinicoltura in Italia, promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e coordinatore scientifico di SOStain, programma per la sostenibilità nella vitivinicoltura siciliana.

Anna Cogo, benefit unit officer di Nativa: prima B Corp in Italia, partner italiano di B Lab e tra le aziende fondatrici del movimento B Corp in Europa. Anna ha fatto parte gruppo di lavoro del Senato che ha portato all’introduzione delle Società Benefit in Italia.

Introduce e modera Michele Fino, Professore Associato di Diritto Romano e Diritti dell’Antichità – Direzione del Master in Wine Culture, Communication & Marketing.

L’incontro si terrà presso la Sala Miroglio dell’Università di Scienze Gastronomiche.

https://www.slowfood.it/slowine/sostenibilita-e-i-nuovi-modelli-di-agricoltura-e-vitivinicoltura/